• Trafil

Imballaggi green con obiettivo impatto zero


Trafil riduce la sua impronta ecologica sull’ambiente grazie agli imballaggi smart

A ogni nuova stagione la Terra ci ricorda che dobbiamo darle la dovuta attenzione. Ondate di caldo, temporali imprevisti di grande pericolosità, innalzamento delle acque, polveri sospese che creano enormi cappe irrespirabili sulle città: ognuno deve fare la propria parte per impedire il collasso dell’ambiente.

Così l’impatto ecologico di un prodotto sta diventando un fattore fondamentale nelle decisioni di acquisto dei consumatori. La maggioranza degli italiani è disposta a spendere di più se l’azienda è impegnata nella sostenibilità. Gli imballaggi sono un aspetto fondamentale del passaggio dall’azienda al cliente, e su questi è importante fare una riflessione che può portare contemporaneamente ad avere un’impronta più green e ad alzare il fatturato.

Il fascino del prodotto green

Quante volte vi è capitato di rinunciare a quel prodotto che vi piaceva tanto, quando vi siete accorti quanto riempiva velocemente il cassonetto della plastica? Moltissime persone, ormai, alla cassa rifiutano i sacchetti usa e getta, per utilizzare l’ecologica borsa di tela. E altrettante ripongono i prodotti più inquinanti sullo scaffale, per mettere nel carrello l’alternativa più green disponibile sul mercato, anche a costo di spendere poco di più.

Negli ultimi anni sta crescendo rapidamente l’attenzione per l’ambiente da parte dei consumatori. La componente green ha sempre più peso nella scelta degli acquisti, e ogni prodotto, viene valutato in ogni fase della sua vita: dalla raccolta e il trasporto delle materie prime fino alla produzione in fabbrica, dalla spedizione al cliente fino alla gestione dei rifiuti.

L’attenzione al tema della sostenibilità si sposa con quello della circolarità e viene data sempre più importanza al packaging. Molti consumatori, infatti, preferiscono ormai acquistare da rivenditori che si impegnano a ridurre gli imballaggi in plastica non riciclabile. Diversi studi hanno confermato che il settore del green packaging è destinato ad aumentare: il 6,2% che contraddistingue l’Italia, su una percentuale mondiale del 66%, è destinato come minimo a raddoppiare.

Obiettivo impatto zero

Il 31 dicembre 2022 entrerà in vigore l’obbligo di utilizzare l’etichetta ambientale per gli imballaggi. Sarà una piccola legenda da applicare al packaging del prodotto, che ne condivide le informazioni, la composizione, e soprattutto il corretto smaltimento. Questo serve a favorire la circolarità della vita della confezione, e lo smaltimento delle componenti non riutilizzabili. L’etichetta andrà applicata su ogni componente dell’imballo e dovrà indicare al cliente come separarne correttamente le parti. È prevista anche la possibilità di inserire un QR code per reperire tutte le informazioni relative allo smaltimento.

Tuttavia, questa soluzione non è ancora lo step definitivo per raggiungere l’obiettivo impatto zero: il problema fondamentale del packaging è che esiste.



La soluzione adottata da Trafil: l’imballaggio smart

Purtroppo, quando si compra qualcosa, di solito c’è sempre anche qualcos’altro da buttare. Negli ultimi tempi, quei prodotti che riempiono velocemente la spazzatura ci infastidiscono sempre più, perché ci rendono evidente la grandezza dello spreco. Ma mettere un’etichetta ecologica su una busta di plastica non cancellerà il fatto che quella plastica andrà buttata, trasportata, smaltita, e finirà certamente per produrre la sua parte di inquinamento.

Per questo motivo, Trafil, che punta a essere un brand 100% green, ha deciso di ridurre al minimo il packaging dei prodotti. Per Trafil è fondamentale infatti ridurre l’impatto sull’ambiente, mantenendo il ruolo di distributori e di esperti nel settore e valorizzando, al tempo stesso, l’importanza dell’imballaggio per la protezione e il trasporto dei prodotti.

Il packaging allora si fa “smart”e utilizza il minimo del materiale, massimizzando la protezione, la leggerezza e la facilità di trasporto.

Così ogni prodotto Trafil è consegnato al cliente imballato in tutta sicurezza, garantendo l’integrità, con materiali sostenibili immessi in un’economia circolare.

Perché il nostro obiettivo non sia produrre meno spazzatura, ma non produrla affatto.


 

Scopri il nostro catalogo




#riduzioneimballaggi #imballaggiminimi #imballaggi #impattozero #pvc #profilipvc #profilitrafil #trafil #profilipvc #madeinitaly #catalogotrafil #profilitecnici #design

35 visualizzazioni